Sorrento

Sorrento

Sorrento è uno dei centri turistici più importanti della Campania. La città è adagiata su un alto costone a strapiombo sul mare che regala ai visitatori una splendida vista del Golfo di Napoli.
Questa cittadina ha un’antica tradizione di ospitalità e accoglienza. Sin dai tempi antichi, molti viaggiatori si fermavano qui, per godersi i piaceri del mare e della buona tavola.
Oltre alle bellezze naturali, tanti sono i siti e le risorse artistiche e monumentali da visitare, come la Chiesa e il Convento di San Francesco, con il caratteristico Chiostro (utilizzato, oggi, come scenario di concerti di musica classica), la magnifica Cattedrale dei Santi Filippo e Giacomo, l’attuale Duomo, risalente al ‘400, che conserva alcuni preziosi marmi, come il Dossale del Redentore, del 1522 e l’Annunciazione, del XIV secolo, il Museo-Bottega della TarsiaLignea, situato nel settecentesco Palazzo Pomarici Santomasi che espone le collezioni di mobili ed oggetti realizzati dai maggiori intarsiatori dell’800 ed il Museo Correale di Terranova. Istituito nel 1917 nell’omonimo palazzo settecentesco, questo museo conserva reperti greci e romani, marmi medioevali, notevoli arredi dell’Italia meridionale dal XV al XVIII secolo, dipinti della scuola napoletana dell’Ottocento e della scuola di Posillipo e dipinti attribuiti a Brueghel e a Rubens. Custodisce anche maioliche e ceramiche, figurine da presepio, orologi, merletti e vi è una sezione intera dedicata all’arte locale dell’ebanisteria.
Sorrento è famosa in tutto il mondo anche per la produzione di arance e di limoni. La sapienza degli chef locali e l’eccellente qualità degli alimenti disponibili in zona (verdure, pasta, mozzarella, formaggi e pesce) hanno consentito a Sorrento di diventare una vera e propria capitale dei sapori mediterranei.
La città è un ottimo punto di partenza per gite ed escursioni sui Monti Lattari, alla Valle delle Ferriere e per immergersi in una natura incontaminata, caratterizzata da una costa ricca di insenature, come quella della Baia di Jeranto, oggi sotto la tutela dell’Unesco.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.